Il sito web di Elettra - Sincrotrone Trieste S.C.p.A. utilizza i c.d. cookies tecnici di sessione, il cui impiego è funzionale alla navigazione nel nostro sito in maniera corretta e sicura.
I cookies tecnici di sessione utilizzati non pregiudicano la riservatezza della navigazione degli utenti, non consentendo l’acquisizione di dati personali identificativi dell’utente.
I cookies tecnici di sessione non vengono memorizzati in modo persistente, ma vengono cancellati una volta terminata la connessione al sito web di Elettra - Sincrotrone Trieste S.C.p.A.
Per maggiori informazioni vedi vedi questa pagina.
OK

2a edizione di "Seminari di fisica della materia" a Elettra

GOPR0098_1548247691079_high copia
IMG-20190123-WA0006 copia
IMG-20190123-WA0017 copia
IMG-20190123-WA0027 copia
1/4 
start stop bwd fwd

 

Anche quest’anno Elettra Sincrotrone Trieste e l’Università degli Studi di Pisa hanno riproposto con successo la seconda edizione di “Seminari di fisica della materia al sincrotrone”, attività promossa nell’ambito della convenzione quadro recentemente stipulata fra i due enti. Il 22 e 23 gennaio 2019 un gruppo di 13 studenti del corso di Laurea magistrale in Fisica dell’Ateneo pisano, accompagnati dal presidente del corso di studi Riccardo Mannella e dai colleghi Simone Capaccioli ed Elpidio Tombari, hanno potuto partecipare a due giornate di lezioni ed esercitazioni di laboratorio dedicate allo studio della materia condensata attraverso la radiazione delle due sorgenti di luce, l'anello di accumulazione Elettra ed il laser a elettroni liberi (FEL) FERMI.

Nella seconda edizione dell’iniziativa, il programma si è arricchito ulteriormente rispetto all’anno precedente grazie soprattutto al coinvolgimento nelle attività didattiche di molti colleghi di Elettra (Maurizio Polentarutti, Sigrid Bernstorff, Francesco D’Amico e Alessio Turchet), di FERMI (Carlo Callegari) e di TUGraz (Graz University of Technology, Barbara Sartori). Dopo una prima parte dedicata a seminari tematici riguardanti le caratteristiche della radiazione prodotta dalle sorgenti di Elettra e FERMI e le loro possibili applicazioni sperimentali, gli studenti hanno potuto saggiare dal vivo alcuni esempi di lavoro di ricerca che viene svolta presso le grandi infrastrutture. Un’intera giornata è stata dedicata infatti a lezioni “pratiche” presso le linee di luce XRD, IUVS, SAXS e DXRL, durante le quali gli studenti hanno partecipato direttamente alla realizzazione di un esperimento in tutte le sue fasi di preparazione del setup sperimentale, raccolta e analisi dati.  

Il successo di questa seconda edizione, riscontrato nell'entusiasmo che gli studenti hanno mostrato nelle differenti attività svolte e dall’apprezzamento espresso dai docenti accompagnatori, conferma l’importanza di questa iniziativa che si vuole far diventare un appuntamento fisso annuale di incontro fra il mondo accademico e le sorgenti di luce Elettra e FERMIi. Tali incontri, fondamentali per creare sinergie sempre più strette fra enti di ricerca e istituti universitari, sono fondamentali per la formazione di giovani ricercatori che possano entrare nel mondo della ricerca con una preparazione sempre più adeguata a quanto richiesto dalla comunità scientifica internazionale.

Barbara Rossi e Claudio Masciovecchio

RASSEGNA STAMPA


  WEB

Ultima modifica il Lunedì, 04 Febbraio 2019 12:10