Il sito web di Elettra - Sincrotrone Trieste S.C.p.A. utilizza i c.d. cookies tecnici di sessione, il cui impiego è funzionale alla navigazione nel nostro sito in maniera corretta e sicura.
I cookies tecnici di sessione utilizzati non pregiudicano la riservatezza della navigazione degli utenti, non consentendo l’acquisizione di dati personali identificativi dell’utente.
I cookies tecnici di sessione non vengono memorizzati in modo persistente, ma vengono cancellati una volta terminata la connessione al sito web di Elettra - Sincrotrone Trieste S.C.p.A.
Per maggiori informazioni vedi vedi questa pagina.
OK

Progetto Internazionale MIUR CERIC–ERIC (Central European Research Infrastructure Consortium)

CERIC-ERIC è un’infrastruttura di ricerca distribuita, secondo la definizione dello European Strategy Forum for Research Infrastructures (ESFRI), costituita nella forma legale di un ERIC (European Research Infrastructure Consortium, Council Regulation n.723/2009). È un Consorzio Europeo di cui sono Membri 8 Stati Europei: Italia, Austria, Croazia, Polonia, Repubblica Ceca, Romania, Slovenia e Ungheria. Al momento un altro Stato, la Serbia, partecipa a CERIC-ERIC come osservatore, in attesa di adesione. CERIC-ERIC opera nell’ampio ambito di ricerca dell’analisi e sintesi su scala nanometrica, dei materiali e biomateriali, incluse connessioni con la biologia strutturale. La forma legale europea ERIC (European Research Infrastructure Consortium, Council Regulation n.723/2009) è stata definita con prerogative degli Enti internazionali per facilitare la creazione ed il funzionamento congiunto di infrastrutture di ricerca di interesse europeo.

Altri Istituti pubblici di ricerca italiani coinvolti

Sono coinvolti nel progetto il CNR, INSTM e UNIVERSITA’, attraverso le loro linee di luce operanti presso Elettra Sincrotrone Trieste, e così altri Enti di Ricerca internazionali ed esteri operanti presso Elettra Sincrotrone Trieste (ICTP, IAEA, ecc.). Nel Consorzio CERIC-ERIC sono anche coinvolti direttamente gli Enti ospitanti le Partner Facilities sotto elencate.

Altri organismi e soggetti coinvolti

Ogni stato membro di CERIC nomina una Representing Entity, la quale ha la capacità di sostenere una Partner Facility.
 
Gli strumenti e i laboratori disponibili, in aggiunta a Elettra Sincrotrone Trieste per l’Italia, attualmente sono i seguenti:
▪   Austria: SAXS beamline ad Elettra, Scattering facilities della Technical University di Graz
▪   Croazia: Ruđer Bošković Institute
▪   Polonia: Università Jagellonian con il sincrotrone SOLARIS a Cracovia
▪   Repubblica Ceca: Material Science beamline ad Elettra, gruppo di Fisica delle Superfici alla Charles University di Praga
▪   Romania: National Institute of Materials Physics (NIMP)
▪   Slovenia: Slovenian NMR Centre
▪   Ungheria: Budapest Neutron Centre.

Attualmente ha statuto di osservatore in CERIC-ERIC la Serbia. Il livello di coinvolgimento dei vari soggetti (direttamente o attraverso i diversi partners), si concretizza attraverso la messa a disposizione delle loro infrastrutture; la motivazione è la crescita in qualità ed efficacia degli investimenti effettuati, in collegamento con l’eccellenza di Elettra Sincrotrone Trieste.

Obiettivi strategici

La visione di CERIC-ERIC consiste nell’offrire un contesto di ricerca multidisciplinare e multinazionale all’interno dello Spazio Europeo della Ricerca, aperto su base competitiva a ricercatori di tutto il mondo, per favorire l’eccellenza, l’innovazione e l’integrazione a livello Europeo.
Le scienze della vita e dei materiali richiedono la capacità di analizzare e caratterizzare il medesimo materiale attraverso strumenti e tecniche complementari, nonché di poter gestire diversi aspetti della sintesi e della preparazione dei campioni stessi.
Gli obiettivi principali di CERIC-ERIC sono: a) fornire, in maniera integrata e su scala internazionale, un accesso libero e aperto a infrastrutture di ricerca e banche dati di eccellenza; b) sostenere i migliori progetti di analisi a livello nanometrico e di sintesi di materiali e biomateriali, sia per produrre conoscenza di base che per favorire il trasferimento tecnologico; c) favorire la formazione interdisciplinare e internazionale e la mobilità dei ricercatori, dei tecnici e dei manager; d) accelerare la riduzione del gap scientifico-tecnologico tra le regioni est ed ovest dello Spazio Europeo della Ricerca.
 
 
 
Ultima modifica il Mercoledì, 13 Maggio 2020 08:42