Il sito web di Elettra - Sincrotrone Trieste S.C.p.A. utilizza i c.d. cookies tecnici di sessione, il cui impiego è funzionale alla navigazione nel nostro sito in maniera corretta e sicura.
I cookies tecnici di sessione utilizzati non pregiudicano la riservatezza della navigazione degli utenti, non consentendo l’acquisizione di dati personali identificativi dell’utente.
I cookies tecnici di sessione non vengono memorizzati in modo persistente, ma vengono cancellati una volta terminata la connessione al sito web di Elettra - Sincrotrone Trieste S.C.p.A.
Per maggiori informazioni vedi vedi questa pagina.
OK

Progetto Internazionale MIUR (ESS European Spallation Source)

La European Spallation Source (ESS), inserita nella Roadmap ESFRI (European Strategy Forum for Research Infrastructure) dal 2006 sarà la più intensa sorgente di neutroni operanti al mondo. Si tratta di un’infrastruttura pan-europea per accogliere una comunità scientifica di circa 5000 ricercatori. I fasci di neutroni a bassa energia che verranno resi disponibili permetteranno nuove opportunità sperimentali per misure in tempo reale, in situ, in vivo, incluse misure di eventi dinamici su scala nanometrica.  Il Progetto, dal punto di vista tecnico, prevede la produzione di neutroni per reazione di spallazione di protoni su bersaglio rotante di tungsteno. Sul bersaglio arriverà un impulso di protoni di energia 2 GeV, durata 2.86 ms e frequenza 14 Hz (corrente 62.5 mA, potenza totale sul bersaglio 5 MW, potenza istantanea 125 MW). La European Spallation Source è un European Research Infrastructure Consortium (ERIC) dal 1°ottobre 2015. I Membri Fondatori di European Spallation Source ERIC sono Repubblica Ceca, Danimarca, Estonia, Francia, Germania, Italia, Norvegia, Polonia, Regno Unito Spagna, Svezia, Svizzzera e Ungheria. L’infrastruttura di ricerca è in fase di costruzione a Lund (Svezia). I costi di costruzione totali (2013) sono pari a 1843 milioni di euro. Più  del 35 % di tali costi verrà fornito nella forma di contributi in natura (in-kind) da parte della rete di laboratori/istituti coinvolti.  L’impegno totale dell’Italia è pari a circa il 6% dei costi totali. Il programma per utenti e previsto iniziare nel 2023, cui seguiranno il completamento della costruzione nel 2025 e successivi 40 anni di funzionamento.

Altri Istituti pubblici di ricerca italiani coinvolti

La partecipazione italiana ad ESS si esplica nei contributi di 3 Enti: INFN, Elettra Sincrotrone Trieste e CNR come concordato nell’apposito Protocollo d’Intesa con il Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca.

Altri organismi e soggetti coinvolti

L’Italia ed altri 12 Paesi europei  partecipano ad ESS, come membri fondatori di European Spallation Source ERIC.

Obiettivi strategici

  • Partecipazione alla realizzazione di un impianto di analisi dei materiali basato sulla spettroscopia neutronica ad alto flusso.
  • Sviluppare la competitività del sistema industriale italiano nel campo energetico, delle strumentazioni scientifiche e per il controllo di qualità tecnico.
  • Consolidamento della comunità scientifica internazionale degli utenti che usufruiranno dell’impianto innovativo European Spallation Source, anche attraverso la formazione di giovani ricercatori e tecnici nel campo.
  • Implementazione e formalizzazione del coinvolgimento italiano come contributo in-kind alla progettazione e costruzione.
  • Progettazione, costruzione e validazione dei contributi in-kind. Elettra contribuisce in-kind a ESS con le stazioni di potenza RF per la parte del linac costituito da cavità di tipo spoke, i magneti per le linac warm units e le linee di trasporto del fascio, gli alimentatori per i magneti e il sistema di acquisizione per i wire scanners.
Ultima modifica il Giovedì, 02 Luglio 2020 09:14